Informazioni

In questa sezione troverete informazioni, schede prodotti, brochure e curiosità  in formato Pdf da poter consultare.

Acqua

 A ) PER  USO  IRRIGUO ( analisi di base )

 

L' analisi proposta è parziale e solo indicativa in relazione alla qualità della Vostra acqua. Solo un controllo analitico più approfondito può stabilirne la potabilità.


CONTROLLI PROPOSTI :

pH, Conducibilità elettrica, Torbidità, Odore, Colore, Fluoruri, Cloruri, Nitrati, Nitriti, Solfati, Fosfati, Calcio, Magnesio, Ferro, Manganese, Piombo, Rame, Zinco, Cromo totale,  Ammoniaca, Durezza totale, Conta batterica totale a 22°C, Conta batterica totale a 37°C, batteri Coliformi totali, E. Coli.


 

 B ) PER USO UMANO ( analisi completa per potabilità )

Il nostro Laboratorio esegue analisi chimico-batteriologiche professionali sulle acque secondo le metodiche ufficiali richieste dalla Legge (D.L. 31/2001) e le raccomandazioni del Ministero della Sanità per la verifica della potabilità delle acque di pozzo.

ATTENZIONE: verificare la potabilità dell’ acqua di un pozzo con analisi chimico-batteriologiche complete non è una cosa semplice né tanto meno rapida ed immediata: le prove devono essere eseguite da personale tecnico qualificato, Chimici e Biologi con comprovata esperienza e con metodi analitici strumentali ufficiali indicati dalla Legge.

Le sostanze da controllare per sapere se effettivamente la Vostra acqua del pozzo     "SI PUÒ BERE CON SICUREZZA" sono molteplici e nessuna di esse può essere esclusa, soprattutto nelle acque sotterranee.

 
Oltre ai parametri di base, chimici e batteriologici, sono da ricercare come richiede la normativa vigente (D.L. 31/2001) la presenza di ulteriori parametri importanti e potenzialmente pericolosi per la salute quali Arsenico, Cromo, Piombo, Cadmio, Rame, Mercurio, Nichel, Stagno, Zinco, Alluminio, ecc. e soprattutto il controllo della PRESENZA di PESTICIDI, SOSTANZE ORGANICHE CLORURATE (tetracloroetilene, percloroetilene, ecc.) e IDROCARBURI TOTALI spesso presenti nelle acque sotterranee e nei pozzi situati nei pressi di attività agricole/agro-alimentari o in prossimità di insediamenti produttivi/industriali anche dismessi da numerosi anni che hanno potuto contaminare le falde.

I Rapporti di Prova ed i pareri finali devono sempre essere firmati da Professionisti iscritti ad Ordini Professionali che se ne assumono la Responsabilità Civile e Penale.

 C ) PER USO PISCINA ( analisi stabilite da Accordo Stato-Regioni del 16.01.2003 )

Per alimentare le vostre piscine e bene ricordare che l’acqua deve possedere dei requisiti di qualità molto prossimi a quelli legati alla potabilità: pertanto anche in questo caso è necessaria un’analisi chimico-batteriologica non superficiale e si ricorda che chi alimenta le acque delle piscine con acqua di scarsa qualità o contaminata rischia severe sanzioni economiche, civili e penali. Alla luce di ciò l’analisi migliore che proponiamo per la vostra tranquillità igienico-sanitaria e di coloro che utilizzanio la vostra vasca è la seguente:

pH, Conducibilità elettrica, Torbidità, Odore, Colore, Fluoruri, Cloruri, Nitrati, Nitriti, Solfati, Fosfati, Calcio, Magnesio, Ferro, Manganese, Piombo, Rame, Zinco, Cromo totale, Arsenico, Stagno, Alluminio, Ammoniaca, Durezza totale, Pesticidi totali, Conta batterica totale a 22°C, Conta batterica totale a 37°C, batteri Coliformi totali, E. Coli, Enterococchi, Stafilococchi patogeni, Pseudomonas Aeruginosa

 

 

Se alimentate la vasca della piscina con l’acqua di rete dell’acquedotto l’analisi minima da effettuare è quella del punto ( A )

NOTA BENE
Si ricorda che anche chi alimenta le piscine con l’acqua fornita dal servizio idrico pubblico è soggetto ad un controllo chimico batteriologico dell’acqua di alimentazione in quanto, così come è anche chiaramente specificato nel D.L. 31/2001, i requisiti di potabilità dell’ acqua erogata dal Gestore, e quindi le responsabilità dello stesso, sono garantiti per Legge fino al contatore: da questo punto in poi e fino al punto finale di uscita dell’acqua all’ interno delle vostre case o piscine la responsabilità ricade sul proprietario dello stabile o dell’ Amministratore dello stesso che ne garantiscono la qualità attraverso la manutenzione/sanificazione periodica dei loro serbatoi (accumuli) se presenti, attraverso la manutenzione dei propri impianti interni di depurazione delle acque (se presenti) che attraverso il controllo dello stato di degrado delle proprie tubazioni idriche (importante in questo caso la verifica della presenza di metalli pesanti nell’ acqua).

 


D ) PER USO PISCINE PUBBLICHE E CONDOMINIALI  ( analisi stabilite da Accordo Stato-Regioni del 16.01.2003 )

 

Oltre ai controlli analitici previsti dal paragrafo ( C ) i responsabili delle piscine pubbliche e gli amministratori delle piscine condominiali, devono obbligatoriamente eseguire una corretta valutazione del rischio, correlato ad un monitoraggio periodico sulla stato di formazione della  Legionella (p.2.2 ), che si può generare in docce,  vasche idromassaggio, bagni turchi e aree adibite a sauna.

Vino

Limiti Legali Comunitari e Nazionali relativi ad alcune sostanze che possono trovarsi in un vino
LIMITI COMUNITARI E NAZIONALI AGGIORNAT[...]
Documento Adobe Acrobat [1.8 MB]
Uso Ghiaccio Secco
L' uva e il ghiaccio secco.pdf
Documento Adobe Acrobat [32.7 KB]
Procedura Vinificazione Uve Bianche per piccole produzioni
SCALETTA PROCEDURA VINIFICAZIONE UVE BIA[...]
Documento Adobe Acrobat [468.3 KB]
Procedura Vinificazione Uve Rosse per piccole produzioni
SCALETTA PROCEDURA VINIFICAZIONE UVE ROS[...]
Documento Adobe Acrobat [389.2 KB]
Procedura Preparazione Prodotti
PREPARAZIONE PRODOTTI PER VENDEMMIA.pdf
Documento Adobe Acrobat [404.3 KB]
Derivati Solforati e Odori di Riduzione nei vini
LA PRESENZA DEI DERIVATI SOLFORATI NEI V[...]
Documento Adobe Acrobat [5.5 MB]

Olio

Commercializzazione degli oli d'oliva e degli oli di sansa di oliva
Commercializzazione degli oli di oliva [...]
Documento Adobe Acrobat [568.4 KB]

Miele e prodotti dell' apicoltura

Disciplina dell' apicoltura.pdf
Documento Adobe Acrobat [17.7 KB]